Login

Chi è on.line

Abbiamo 1220 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3278
Web Links
4
Visite agli articoli
9026784
LOGIN/REGISTRATI
Lunedì, 09 Dicembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 100% (1 Vote)
Valutazione attuale:  / 2
ScarsoOttimo 

tabella ecogest

Gli amici padovani possono andare in gita sui colli euganei, gli amici bolognesi vanno in gita sui colli emiliani, e noi di Villadose?

Noi abbiamo un piccolo colle vicino casa, a neanche due chilometri in linea d’aria e ben visibile dalle nostre finestre; è brullo e senza alberi ma è l’unico che abbiamo.
Nella zona c’è una amena pesca sportiva e tutt’intorno scorrono, chiari e limpidi, il Ceresolo, la Bresega e altri fossati che si alternano a fertili campi coltivati mentre alcuni soffici cumuli di fieno dorato si abbracciano al mite muggito che proviene da alcune stalle…
Questo almeno è quello che ci raccontano i vecchi paesani che ci andavano diversi anni fa, e così, spinti da questo ritratto bucolico, un giorno d’estate abbiamo deciso anche noi di andarci, di fare la nostra piccola gita ecologica.

foto-allegata-articolo



Impaccati in macchina in cinque e con un sole un po’ troppo invadente ma con animo lieto, percorriamo la strada che costeggia il Ceresolo e poi prendiamo via Zennaro, la stradina che porta alla pesca sportiva.

 

 

cloaca villadose



Poco dopo attraversiamo il canaletto di raccordo tra il Ceresolo e la Bresega e il nostro buonumore subisce un improvviso contraccolpo: quelle che pensavamo dovessero essere boccate d’aria di natura sana e altrice riversano invece nei nostri polmoni zaffate pestilenziali !




tabella ecogest


Appena superato lo scolo, a destra (A) c’è un’area con grandi capannoni e camion che vanno e vengono di continuo; all’ingresso c’è scritto “Impianto Trattamento RSU Rovigo”. Una beffarda ironia, che invade la mente con un effetto tanfo pari a quello del lezzo nei polmoni, è la frase che leggiamo su alcuni di questi camion: “società cooperativa ambiente bella Italia”.

 

Non va meglio tentando di sviare lo sguardo a sinistra (B): non campi coltivati ma cave d’acqua di un  colore schifoso che emanano lo stesso miasma già avvertito prima.

tabella percolato
Andiamo oltre di pochi metri e arriviamo alla pesca sportiva (C),  Ma al cancello di ingresso c’è scritto che quella zona al momento viene usata per raccogliere il percolato prodotto dalla discarica. Mentre leggiamo questo cartello un signore ci viene incontro chiedendoci cosa vogliamo e, alla nostra domanda di cosa ci sia ora in quelle vasche, ci informa che in quelle anteriori c'è ancora il pesce mentre in quelle dietro c'è un impianto di raccolta del percolato (alias quel liquido che si forma depositandosi in fondo ai nostri sacchetti dell'umido).
camion taglietto 0
Neanche il tempo di sgomentarci pensando a questo pesce già “condito” che uno dei camion “beffardi” esce dai capannoni e ci supera procedendo lungo la strada, lo seguiamo e vediamo che un po’ più avanti svolta a sinistra per una stradina che va dritto verso il nostro “colle”: la discarica Taglietto T0 (D). Una bella immagine di gabbiani che, disturbati dal camion, si alzano freneticamente in volo e si disperdono intorno ci rallegra per qualche istante ma poi riflettiamo che i gabbiani sono uccelli “spazzini”: lì per terra ci deve essere di tutto e di più!
SAM 0607
Come ultima possibilità per rinfrancarci lo spirito proviamo a guardarci intorno e osserviamo che sì, ci sono anche dei campi coltivati, un vigneto e pure piccoli capanni di fieno con una stalla piena di mucche (l'azienda agricola Mazzetto (E)) proprio attaccati al “colle”, ma a questo punto la cosa non ci ispira niente di buono !

Sconfitti su tutta la linea procediamo ancora qualche centinaio di metri e arriviamo al ponticello sulla Bresega, da lì si vedono le case di alcuni di noi e il nuovo complesso scolastico (F).

Con la “poetica” immagine nei nostri occhi dei bambini villadosani che usano fare ricreazione all’aperto a così poca distanza da tutto questo, facciamo inversione e riportiamo mestamente a casa il pacco dei cinque gitanti eco ILLogici.

A casa però il sentimento di sconforto si trasforma in reazione e ben presto tutta una serie di domande e dubbi amletici ci impongono importanti e serie riflessioni.

È normale che un tale impianto di gestione rifiuti sia così vicino a un centro abitato e, in particolare, alle scuole? e che sia inserito in un territorio con molte industrie agroalimentari come è Villadose (p.es. la lavorazione dell’aglio e delle granaglie)?

Quanto crescerà ancora quel colle di immondizia che vediamo dai nostri balconi? Cosa separa quel separatore? Cosa finisce all'interno di quella discarica?

Che danni può causare un impianto di percolato così maltenuto? Quanto può essere sano il pesce pescato da privati in quelle vasche così vicine ad un impianto di percolato con probabili infiltrazioni? E il percolato inquina le nostre falde acquifere?

E che dire dell’azienda Mazzetto così  vicina al “colle”, le mucche che aria respirano?, che cibo mangiano? che acqua bevono? La risposta viene spontanea vero? Si nutrono di tutto quello che viene prodotto vicino alla fattoria. E il latte prodotto dove finisce? Finisce alla centrale del latte di Badia Polesine dove viene mescolato con altro latte e infine arriva sulle nostre tavole !

Qualcuno sa che le nostre case oltre ad una svalutazione di mercato (già di per sé in crisi) subiscono una ulteriore svalutazione per la vicinanza alla discarica?

Prima di costruire quell’impianto, qualcuno ha chiesto il consenso ai cittadini ? NO.!!! Qualcuno ha detto ai cittadini come funziona quell’impianto? NO !!! Qualcuno ha spiegato ai cittadini che danni crea alla salute ? NO!!!

E poi è semplicemente banale rendersi conto di quanto sia assurdo fare contemporaneamente la raccolta differenziata e la produzione di combustibile derivato dai rifiuti (CDR), cioè bruciare i rifiuti. Che palese incompatibilità, che ecoILLogica incoerenza! Che si decidano: vogliono uova e piume o arrosto d’oca? Lana e latte o brasato di pecora?

Noi personalmente vorremo vivere in un paese pulito dove far crescere i nostri figli in modo salutare e, immaginando che questo sia il desiderio di tutti, ci siamo chiesti “Ma qualcun altro si pone queste domande ?”.

Noi l’abbiamo fatto, abbiamo cercato delle risposte e abbiamo scoperto che esistono soluzioni alternative molto interessanti e così ora sappiamo che, a chi  potrebbe dire: “Sì, va bene! Ma le nostre immondizie dove le mettiamo, visto che ne produciamo ogni giorno ?”, si può rispondere: “Signori, il sistema c'è, e già esiste in questa realtà !!! Viene già applicato proprio da noi, in Veneto, per esempio a Vedelago e a Ponte nelle Alpi e in internet ci si può informare”.

E allora cosa dite, cominciamo il cambiamento insieme ? Non costa nulla, basta volerlo. Noi siamo stanchi di pagare sempre di più per una raccolta pseudo differenziata poco più che inutile....

Che dite, gestiamo meglio i nostri rifiuti? Si può fare e sarebbe un vantaggio, sia per la nostra salute che per le nostre tasche.

Aiutiamoci insieme a cambiare questo degrado, aiutiamoci insieme a far capire a chi gestisce malamente il riciclaggio che siamo pronti a un cambiamento radicale. Con una comune presa di coscienza e le idee già realizzate e sfruttate da altre brave persone, veneti come noi, possiamo ottenere anche noi grandi risultati.

I cittadini: Davide Fiocco e Pietro Voto di Villadose


Per informazioni e contatti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.



Reportage fotografico

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente interventi Civitanova referendum annunciato responsabile capogruppo dichiarato Comunicato possibilità associazioni dipendenti all'interno lavoratori attraverso amministrazione condizioni condannato manifestazione intervento commissione pubblicato Alessandro democrazia Redazionale maggioranza importante ambientale parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information